Gli chef Vito e Antonio Manarello per il Festival Nazionale

l’articolo pubblicato su ILTORINESE per gli chef Vito e Antonio Manarello

I due fratelli, Vito Manarello e Antonio Manarello, si sono ritrovati per creare e fondere il loro talento, coltivato e cresciuto nelle cucine di provincia fino a quelle dei ristoranti stellati e di fama internazionale
MANARELLO33-300x225

In occasione del Festival Nazionale dell’Alogastronomia 2015, evento dedicato alla relazione tra birra artigianale e i prodotti delle eccellenze gastronomiche dell’entroterra della Provincia di Pesaro Urbino, i veri intenditori della birra artigianale si daranno appuntamento sabato 20 e domenica 21 giugno nel comune di Apecchio, situato in un suggestivo e avvolgente paesaggio tra Marche, Umbria e Toscana.
MANARELLO1-300x225

E proprio in occasione di quest’evento, due chef, due fratelli, Vito Manarello e Antonio Manarello, si sono ritrovati per creare e fondere il loro talento, coltivato e cresciuto nelle cucine di provincia fino a quelle dei ristoranti stellati e di fama internazionale. Figli d’arte, originari di Matera, ora propongono un gemellaggio tra le due patrie di adozione: tra la raffinata cucina torinese, reinterpretata innovativamente nel ristorante L’Orangerie di Gerla , nel quale Antonio Manerello è chef, e quella dell’arte culinaria delle dolci colline urbinati , dove dal XIII secolo in occasione della costruzione del ponte medioevale del paese, per dare ristoro e alloggio ai lavoratori, nasce l’albergo e ristorante Ghighetta, da sempre appartenuto alla famiglia Pazzaglia e che dal 2014 ha affidato la conduzione della propria cucina allo chef Vito Manarello.
MANARELLO2

In questi luoghi, che hanno ispirato i paesaggi di Raffaello il quale, si dice, abbia ai suoi tempi, sostato proprio da Ghighetta, ed essendo Apecchio la città della birra, nasce un piatto unico, frutto del connubio dei due talenti e dell’utilizzo di prodotti di altissima qualità , come la prestigiosa birra artigianale Collesi, protagonista del piatto ed eccellenza del settore. Nasce così una portata nuova e dal sapore unico: gli gnocchi con le straordinarie patate del contado apecchiese , condite con la salsa di fagiano lavorata con la più prestigiosa birra artigianale di Apecchio, la birra Collesi appunto, senza pomodoro, come si faceva prima della scoperta dell ‘America. “Più unico, nuovo ed antico di così è impossibile. Provare… volevo dire gustare per credere” come ama definire la Signora Pazzaglia
MANARELLO23-300x225

Quest’articolo è stato letto 60 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *