Almanacco del giorno 26 agosto

26 Agosto 2013

E’ il 238° giorno dall’inizio dell’anno 2013.  Mancano 129 giorni per la fine del 2013

Il SOLE – Sorge: 6:27, Tramonta: 19:57  La    LUNA – Leva: 22:44, Cala: 12:25 – Gibbosa calante

Proverbio del giorno
Figlie, vigne e giardini, guardale dai vicini

Si festeggia

Sant’ Alessandro di Bergamo Martire

 

Alessandro, patrono della città di Bergamo, è raffigurato tradizionalmente in veste di soldato romano con un vessillo recante un giglio bianco. Il vessillo sarebbe stato quello della Legione Tebea comandata da s. Maurizio (legione romana composta secondo la leggenda da soldati egiziani della Tebaide) nella quale Alessandro sarebbe stato secondo gli Atti del martirio, comandante di centuria. La legione romana utilizzata in prevalenza in oriente, venne spostata nel 301 in occidente per controbbattere gli attacchi dei Quadi e dei Marcomanni. Durante l’attraversamento del Vallese alla legione fu ordinato di ricercare i cristiani contro i quali era stata scatenata una persecuzione. I legionari, cristiani a loro volta, si rifiutarono e per questa insubordinazione vennero puniti con la decimazione eseguita ad Agaunum (oggi S. Moritz). La decimazione consisteva nell’uccisione di un uomo ogni dieci. Al perdurare del rifiuto dei legionari di perseguitare i cristiani, fu eseguita una seconda decimazione e quindi l’imperatore ordinò lo sterminio. Pochi furono i superstiti, tra cui Alessandro, Cassio, Severino, Secondo e Licinio che ripararono in Italia. A Milano Alessandro fu però riconosciuto e incarcerato, dove rifuta di abiurare. In carcere riceve la visita di s. Fedele e del vescovo s. Materno. Proprio s. Fedele riesce a organizzare la fuga di Alessandro, che ripara a Como, dove fu nuovamente catturato. Riportato a Milano fu condannato a morte per decapitazione, ma durante l’esecuzione ai boia si irrigidivano le braccia. Fu allora nuovamente incarcerato. Riuscì nuovamente a fuggire e raggiunse Bergamo passando per Fara Gera d’Adda e Capriate. A Bergamo fu ospitato dal principe Crotacio, che lo invitò a nascondersi, ma Alessandro iniziò a predicare e a convertire molti bergamaschi, tra cui i martiri Fermo e Rustico. Fu perciò scoperto e nuovamente catturato, la decapitazione venne eseguita pubblicamente il 26 agosto 303 nel luogo ove oggi sorge la chiesa di S. Alessandro in Colonna. Probabilmente Alessandro fu effettivamente un soldato romano, originario o residente a Bergamo, torturato e ucciso per non avere rinunciato alla propria fede cristiana.

Accadde oggi

1789 – Emanata la dichiarazione sui diritti dell’uomo (223 anni fa): «Gli uomini nascono e rimangono liberi e uguali nei diritti. Le distinzioni sociali non possono essere fondate che sull’utilità comune».

1978 – L’elezione di Giovanni Paolo I (34 anni fa): Un Papa in anticipo sui tempi, di almeno 35 anni, la cui spinta riformatrice fu arrestata da un destino avverso.

nati oggi

1910 – Madre Teresa di Calcutta (102 anni fa): Nata a Skopje, capitale della Macedonia, è stata una religiosa albanese, di fede cattolica, impegnata in favore dei poveri e degli infermi dell’India.
1989 – Francesca Benolli (23 anni fa): Nata a Trieste, è un’ex ginnasta, specializzata nel volteggio e nelle parallele ma competitiva anche nel corpo libero. Nel 2005 ha vinto il primo oro europeo nella storia della ginnastica
1956 – Patrizio Rispo (56 anni fa): Nato a Napoli, è un attore con una lunga esperienza in teatro, al cinema e in TV. Al grande pubblico è noto soprattutto nei panni di Raffaele Giordano, portiere di “Palazzo

 

Quest’articolo è stato letto 4 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *