Comunicato Stampa Comitato Interregionale No Tubo del 13 Aprile 2018.

Comunicato stampa 13/04/2018
Il 21 aprile alle ore 15 grande manifestazione a Sulmona contro l’ormai noto gasdotto Brindisi
Minerbio, meglio conosciuto come “gasdotto dei terremoti”, perché attraverserebbe gli
epicentri di tutti i terremoti avvenuti in Italia centrale negli ultimi anni.
Ed e’ un vero boom di adesioni da tutta Italia alla manifestazione .
Ad oggi sono 240 tra movimenti, associazioni, comuni, aree protette, operatori economici,
sindacati e partiti ad avere aderito.
E’ avviato il conto alla rovescia verso l’appuntamento per la tutela del territorio e per dire NO
alla centrale di Sulmona e al “gasdotto dei terremoti”.
Esserci è importante, perché questa storia dura da quasi 15 anni ed è ora di concluderla, ma non
nel senso che pretendono la Snam rete gas e il Governo.
Un governo che, in attesa del nuovo, dovrebbe occuparsi solo di questioni “ordinarie” quindi
privo di legittimazione, ma che invece accelera i procedimenti e convoca riunioni per dare il via
libera definitivo all’opera nella sua completezza.
Un governo schierato (come tutti gli ultimi), ma non dalla parte dei cittadini.
Esserci è importante, non è trascurabile e può fare la differenza, perché solo con una
mobilitazione forte, plateale, indiscutibile si potrà mostrare chi è lo Stato e che cosa vogliono i
cittadini.
Lo stato siamo noi, non i funzionari dei ministeri, non i ministri, non gli apparati.
Non può quindi esistere una situazione per la quale gli apparati dello stato, i nostri delegati e
dipendenti operino contro i cittadini, contro gli enti locali, contro lo stato stesso.
Per dare forma plastica a questi concetti, vi chiediamo di partecipare alla manifestazione e di
sfilare con noi.
Sulmona non è così lontana (ed è anche una bella città d’arte, oltre che una vera capitale
dolciaria) e gli amici abruzzesi ci attendono.
Per informazioni ulteriori:
www.facebook.com/nohubdelgas/
comitatonotubo@gmail.com
Distinti Saluti
Comitato Interregionale No Tubo

Quest’articolo è stato letto 16 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *