10 anni di BCC

Sono trascorsi 10 anni dall’ 08 ottobre 2007, primo giorno operativo della filiale di Apecchio: nulla in relazione al trascorrere veloce del tempo, molto in termini di trasformazione del mercato bancario e degli scenari succedutisi.

Dopo uno studio sulla piazza di Apecchio e sul comune confinante di Piobbico (in parte già serviti dalla filiale di Acqualagna) l’allora consiglio di Amministrazione della Banca individuò nella piazza di Apecchio, coperto da un solo istituto bancario, una opportunità per i piani di sviluppo della banca, in linea con quelle che erano e restano le caratteristiche del nostro istituto. Allora anche la politica della Banca d’Italia volta a coprire il territorio con l’apertura degli sportelli, dava questa possibilità di espansione che la Bcc di Pergola pensò subito di cogliere.

L’impatto sulla piazza fu subito buono, con una percezione immediata di come la piazza stesse aspettando questo segnale di attenzione economica, anche per via di un buon sviluppo già effettuato prima dell’ottobre 2007. L’amministrazione comunale con l’allora sindaco Cristini Stefano ed i cittadini di Apecchio, accolsero con entusiasmo l’investimento della banca in una realtà che sentiva fortemente la necessità di un secondo sportello.

Dopo nemmeno un anno iniziò quella che poi sarebbe divenuta la grande crisi economica globale, con i tanti risvolti gravati progressivamente anche sulle economie locali e sulle banche presenti nel territorio. La realtà di Apecchio in parte anche grazie a nostro sportello ed alla politica di sostegno sempre dimostrato dalla Bcc di Pergola, ha saputo mantenere vive ed attive le realtà presenti, dando anche importanti segnali di sviluppo sia nelle realtà operative esistenti, sia con il progetto industriale delle acque e dei locali birrifici. Il progetto Apecchio Città della birra, partito proprio in quegli anni, sta dando lustro al comune apecchiese, con interessanti prospettive e ricadute.

In questi dieci anni la crescita è stata pressoché costante, con una fidelizzazione consolidata nel tempo ed un cammino realizzato in armonia con la clientela: oggi la banca ha un montante di circa 30 milioni di euro, 3400 rapporti. Ha una ottima penetrazione sulla piazza di Apecchio e sulla limitrofa piazza di Piobbico, in linea con gli obiettivi di partenza.

In questi 10 anni la banca non ha mai fatto mancare il proprio sostegno all’economia della zona ed a tutte le associazioni locali, con una concreta erogazione di contributi, quantificabile certamente in una cifra che va dai 40 ai 50.000 euro, svolgendo anche il servizio di tesoreria per conto del comune di Apecchio.


Per la Bcc di Pergola era la filiale nr. 8 e me ne venne affidata la titolarità, con a fianco Tanganelli Andrea (vice titolare) e Pazzaglia Pierluigi. In questi 10 anni io ed Andrea abbiamo continuato a ricoprire questi due ruoli, mentre oltre al collega Pazzaglia, hanno avuto periodi di lavoro significativi Carpineti Isabella per 5 anni e dal gennaio 2014, Massi Francesco.

Per periodi di minor durata, hanno lavorato in Apecchio anche Orlandi Luca, Agostini Michele e Secci Francesca, con tanti altri colleghi venuti per sostituzioni: a tutti loro il mio sincero e sentito ringraziamento per l’opera svolta.

Il mio ringraziamento viene sinceramente esteso a tutti i cittadini di Apecchio e della vicina piazza di Piobbico ed oltre al citato sindaco Cristini, vorrei ringraziare i sindaci Ioni Orazio e l’attuale Nicolucci Vittorio per la collaborazione mostrata e l’interesse con cui hanno sempre tenuto in considerazione questo nostro sportello, ed il sindaco di Piobbico Mochi Giorgio. Un sincero grazie vuole essere esteso a tutti coloro che ci hanno sempre ben accolto, con una stima ed un rapporto cordiale che è sempre andato oltre dall’essere o non essere clienti della banca.

Ritengo che il successo più bello sia proprio quello di venire percepiti come una opportunità reale e concreta per questi territori del profondo entroterra, progressivamente bistrattati ed abbandonati da quelle realtà che ne dovrebbero invece curare il benessere con una presenza concreta e reale che ritengo, venga ben percepita.

La banca non può essere un elemento sostitutivo, ma può essere un elemento di aiuto nel cammino delle istituzioni, delle associazioni locali, delle persone che vivono stabilmente in questi luoghi e penso sinceramente che la Bcc di Pergola, tramite le varie filiale sparse su questo territorio, un piccolo aiuto concreto può sicuramente averlo dato.

Quest’articolo è stato letto 42 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *