Ondata di Freddo in arrivo..novità e dettagli..prime ipotesi per la Santa Pasqua

Buongiorno a tutti, evoluzione atmosferica nel comparto Europeo e Mediterraneo sempre dinamicissima infatti, con le perturbazioni che si susseguono incalzanti, al ritmo di almeno 2-3 a settimana nelle nostre regioni.

Ecco l’ultima in azione mentre di scrive ruotare attorno a un minimo al suolo centrato nel Tirreno settentrionale.

https://www.meteo60.fr/satellites/animation-satellite-ir-france.gif

In buona sostanza, stiamo ancora scontando gli effetti del poderoso warming stratosferico di metà Febbraio che, come da letteratura (Baldwin & Dunkerton, 2001), prevede che il Vortice Polare resti disturbato per 45-60 giorni a seguire e, come tale, aumentano le possibilità che alle medie latitudini giungano freddo e instabilità.

Ecco quindi il quadro europeo odierno, con un possente blocco altopressorio nel nord Atlantico che convoglia aria gelida nell’Europa centrale, fino all’Irlanda, dove ha nevicato anche nella capitae, Dublino, dopo le nevicate di Londra, Parigi, Berlino e ancora pi a est.

Una vera e propria irruzione di tipo “buranico” insomma per le regioni menzionate,come annunciato da giorni in questa sede, l’aria gelida oltralpe non è destinata a raggiungere le regioni italiane o, perlomeno, non lo farà nella sua forma pura ma, da noi, giungerà comunque altra aria fredda dalla Scandinavia, che prenderà in carico quel che resta del nucleo gelido continentale, facendo comunque abbassare le temperature in maniera significativa nel territorio italiano per quasi tutta la prossima settimana.
Come accennato si tratterà di aria artica a contributo continentale non più predominante, molto fredda come spesso capita in questi casi, in quota. La carta riportata di seguito evidenzia le temperature presenti a 1450 m circa di quota tra mercoledì e giovedì, con una lingua gelida di -9° C che si allunga dalla Scandinavia verso le nostre regioni.

Già questa sera lunedì 19 San Giuseppe (Auguri a tutti i Papà e ovviamente anche a me stesso) avremo i primi effetti,
quando la perturbazione ora al NE si porterà verso il nostro territorio e  la neve farà la sua comparsa sopra ì 600 m circa,,domani martedì avremo una breve tregua dalle precipitazioni le quali saranno sporadiche e senza attecchimento al suolo,in attesa di un nuovo corposo peggioramento dalla tarda serata,il quale avrà i suoi massimi effetti nella giornata successiva con nevicate moderate -abbondanti su tutto il settore, mediamente dai 300 m in su, con sconfinamenti nelle valli  strette anche più in basso se non al piano durante le precipitazioni di forte intensità, poi giovedì molto freddo ovunque ma precipitazioni in via di esaurimento.

 

A seguire, a intermittenza, altri impulsi perturbati si getteranno nel nel Mediterraneo almeno fino a fine mese;Ed ecco una nuova saccatura artica andare a disturbare, probabilmente, anche le vacanze di Pasqua, che la momento si preannunciano incerte dal punto di vista meteorologico, ma qui ci sono ancora molte riserve.

Insomma, il trend non cambia, pressione alquanto elevata in Atlantico e saccature molto frequenti in Europa e nel Mediterraneo, ne avremo ancora per molti giorni, occorrerà aggiornarsi frequentemente.
GFSOPEU12_288_1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *