Il saluto Natalizio del nostro parroco Don Sauro Profiri

LETTERA APERTA DI AUGURI AGLI AMATI PARROCCHIANI

DELLA COMUNITA’ CRISTIANA DI APECCHIO

Cari e amati parrocchiani , avvicinandoci al S. Natale e quindi preparandoci nel salutare il 2017 e così accogliere il 2018 che è ancora tutto da costruire, sento l’esigenza come parroco di questa comunità di dire Grazie al Signore per tutti i benefici ricevuti ma anche di ringraziare ciascuno di voi per l’affetto e la stima che dimostrate ogni giorno.

In questo periodo, tutti incontrandoci, ci salutiamo dicendo: Buon Natale, Buone feste ma.. di quale natale stiamo parlando ?

Siamo veramente sicuri che il termine Natale ha per tutti lo stesso significato ?

O forse parliamo due linguaggi diversi.

Io credo che, come per tanti altri eventi presenti nel corso dell’anno, occorre tornare a riscoprire il significato di ciò che viviamo per non correre il rischio di calpestare o minare il valore che sta alla base.

Oggi a motivo della frenesia e bombardati da tanti messaggi –spot, se non stiamo più che attenti, ciò che è semplicemente il contenitore (feste, luci, scambi di regali…) rischia di prendere il posto del contenuto che invece consiste -per rimanere in tema al Santo Natale- in questo grande Mistero di Dio che per amore è venuto e viene anche oggi, incontro all’umanità, a ciascuno di noi.

In altri termini cari fratelli e sorelle, il Santo Natale che la chiesa ogni anno ci fa celebrare, vuole aiutarci a prendere coscienza di questa grande verità e cioè di quanto siamo preziosi e necessari ai suoi occhi.

Non è colui che porta doni, vestito di rosso, per poi scomparire dal buco del camino ma Colui che dona se stesso e viene continuamente per restare con noi (il Dio con noi).

Questo è il vero e grande regalo che Dio ci ha offerto gratuitamente e continua a donarci ogni volta che lo desideriamo e lo cerchiamo.

Altrimenti festeggeremo ma…senza il festeggiato ( Gesù Cristo)

Quanto sarebbe bello ed edificante , specie in questi giorni così ricchi, vivere almeno alcuni momenti di preghiera insieme ai vostri figli e/o nipoti.

Facciamo riscoprire alle nuove generazioni questi segni cristiani che hanno fatto e fanno parte della nostra storia come sono il presepe e viviamo insieme a loro alcuni tratti della giornata

Non abbiamo paura di proporre ciò che può fare loro soltanto del bene; non lasciamoci travolgere dal consumismo e materialismo.

Il Natale cristiano è la festa della Luce, della Vita, della Speranza…a differenza di Halloween che è invece la festa delle tenebre, del vuoto ( zucca vuota), della paura e che certamente non arricchisce nessuno tranne i venditori di tale materiale.

La Vergine Maria, Regina della pace e delle famiglie che mediante il suo Si ci ha donato Gesù Cristo, Via- Verità e Vita, ci aiuti oggi più che mai ad essere non solo cristiani perché battezzati ma anche e soprattutto credenti, convinti, contenti e capaci di continuare a seminare nei cuori di chi ci sta vicino la bellezza del vangelo .

Se oggi seminiamo, a suo tempo qualcuno domani raccoglierà i frutti .

E a voi cari nonni e cari ammalati che ogni giorno “celebrate” l’ Eucaristia dal vostro letto o seduti su di una poltrona e che a volte potete sentirvi messi da parte, voglio dire anche a nome di tutti parrocchiani che siete la nostra forza, quel pozzo di acqua pura dove possiamo attingere per l’oggi e per il domani. Abbiamo bisogno di voi, della vostra preghiera, sofferta e offerta. Non lasciatevi rubare la speranza.

Offrite la vostra sofferenza per il dono della pace ( nei nostri cuori, nelle nostre famiglie nel mondo intero) affinché insieme possiamo vivere questo nuovo anno che si sta aprendo nella serenità e…nella pace.

E con questo breve pensiero , ringraziando di cuore gli amici di questo prezioso strumento di comunicazione “ L’ Apecchiese” che ci permette ogni anno di raggiungervi nei vostri luoghi domestici, a nome del Vescovo Armando, per il quale vi invito a pregare per la sua salute e del diacono Maurizio, scendano al cielo copiose benedizioni e giungano a tutti voi gli auguri di Buon Natale e di un felice e prospero Anno 2018

Il parroco e il diacono
Sac. Sauro Profiri
Maurizio Ottaviani

Quest’articolo è stato letto 14 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *