Il prossimo appuntamento de “ORMAI E’ STAGIONE”

Una signora qualunque, la spesa da mettere a posto, un’importante ricorrenza familiare da festeggiare. Tutto – dalla torta preferita alla tovaglia ben stirata, dal piatto della tradizione alle candeline – tutto deve essere perfetto. La signora in questione, però, è affetta dal morbo di Alzheimer, e tutto quello che per una signora qualunque sarebbe la quotidianità, per lei diventa una salita impervia, una discesa ripidissima, un continuo inciampare nei suoi pensieri. Una scoperta. Una perdita. Ma soprattutto, un giallo domestico alla ricerca di qualcosa che sfugge: la propria memoria.

Promemoria” è un lungo racconto in cui i ricordi si fondono con l’ostilità del presente, è un monologo tragicomico che cerca di dare voce al malato, nella forma teatrale che più si confà alla solitudine. Solitudine turbata, però, dalla presenza di un misterioso folletto, conosciuto da tutti col nome di Barabanén, colpevole di stravolgere l’ordine delle cose di una cucina in cui gli oggetti si muovono senza giustificazione apparente. Questa dispettosa presenza è la sola spiegazione che l’anziana signora sa dare alla sua condizione di spaesamento e solitudine, alimentata dai rintocchi di un orologio che sembra scandire un tempo tutto suo, tra passato e presente, visioni e realtà, minuti cancellati e minuti ripetuti.

Lo spettatore si addentra nello spiazzamento della protagonista e tra i suoi fantasmi, che sono tracce dell’identità che la malattia cerca di rubarle.

GLORIA GULINO

Diplomata come attrice all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, è stata diretta a teatro da maestri quali Luca Ronconi, Mauro Avogadro, Yuri Krasovskij, Ugo Chiti, Jean Paul Denizon, Armando Pugliese, Ruggero Cappuccio e Mario Ferrero.

Collabora da anni col Teatro di Roma come attrice e come insegnante in laboratori teatrali nelle scuole superiori e altri eventi culturali.

È docente di recitazione presso l’Accademia del Musical di Bologna.

Dal 2008 si dedica alla regia e alla drammaturgia di progetti per l’infanzia.

Quest’articolo è stato letto 15 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *