RE ARTU’ e la Britannia

Dopo il ritiro tra il 401 ed il 407 d.C. delle legioni romane dalla Britannia, ve ne rimase però
l’organizzazione militare, ereditata questa da capi celto-romani.
Si trattava di capi militari, di governatori provinciali, di piccoli re locali di popolazioni britanniche. Questi capi celto-romani mantenevano od assumevano nomi romani, anche nomi altisonanti
di imperatori.
Esempi storici sono quelli di Ambrosius Aurelianus Dux, Costantino III (536/37 d.C.),
Aurelio Conano (538/39 d.C.). Prima di loro deteneva il potere bellico quale Comes Britanniae,
Riotamo nome che in lingua celtica significava probabilmente Grande Re.
Successore di Riotamo fu appunto Ambrosius Aurelianus Dux che guidò alla vittoria contro
i Sassoni l’esercito celto-romano nella battaglia di Mons Badonis, monte Badone collocata nell’anno 526 d.C. (o svoltasi in data precedente).
Questa vittoria segnò l’arresto dell’espansione sassone a nord della Britannia per qualche decennio.
La conquista sassone fu successivamente agevolata dalla “peste di Giustiniano” diffusasi
in Britannia dal 544 d.C. in poi e portata dai ratti scesi dalle navi mercantili bizantine che commerciavano con le popolazioni britanniche e non con quelle sassoni, essendo infatti stati
i Britanni nei secoli precedenti cittadini dell’impero romano.
Nel periodo 560 – 590 d.C. la popolazione britannica fu falcidiata dalla peste rendendo
quindi poco difendibili i propri territori che vennero facilmente conquistati dai Sassoni.

Un anno importante riportato nelle epigrafi e riferito a Riotamo è quello del 469 d.C..
Probabilmente corrisponde alla sua data di nascita.
Dopo Riotamo compare cronologicamente quale Comes Britanniae, Ambrosius Aurelianus Dux.
La critica storica è orientata a vedere nei due personaggi una sola persona.
Riotamo, il Grande Re che prende successivamente il nome di Ambrosius Aurelianus Dux.

Nella lingua celtica del tempo il nome Aurelianus Dux veniva pronunciato abbreviato in Aur – Dux.
La vocale U veniva poi assorbita dalla vocale A, da cui la pronuncia Ar; la D di Dux veniva pronunciata T, quindi Tux, la cui X finale si elideva facendo prendere l’accento alla lettera U
che la precedeva. Quindi dal nome Aurelianus Dux, il nome Ar – Tù’.
Riguardo la spada Excalibur.
Erano famose in Britannia le lame di spada forgiate nella cittadina di CALIBRIUM.
“Ex Calibrium” significava quindi una spada forgiata e proveniente da Calibrium.
Da qui con passaggi linguistici successivi il nome della spada Excalibur.

Vicino a due villaggi del Surrey (regione dell’Inghilterra sud-orientale) che portano nel proprio nome la radice Camel, è stato identificato un sito dell’Alto Medioevo costituito da un complesso abitativo celto-romano.
Era questo il sito dove probabilmente era poi sorto un castello chiamato dal nome del sito, Camelot.

Film recenti su re Artù:
Excalibur
Il primo cavaliere
King Arthur

Gaetano Dini.

Quest’articolo è stato letto 23 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *