Tassa di bonifica, continua la protesta.

logo-Giacomo-Rossi-partecipContinua la protesta del movimento “Fronte di Azione Popolare PU” e del “Coordinamento civico Marche” contro il Consorzio di Bonifica e la relativa tassa. Giacomo Rossi, che ha guidato sin dall’inizio questa protesta civica dice; “Ripetiamo che questa tassa è ingiusta ed iniqua. La stragrande maggioranza di coloro che si son visti recapitare i bollettini, molti dei quali erronei, non hanno ricevuto e non riceveranno nessun beneficio dagli interventi di bonifica e quindi per legge, non devono pagare proprio niente. Questi bollettini vanno contro a diverse sentenze e contro la stessa legge regionale che istituisce il Consorzio. Invitiamo dunque a non pagare questa ingiusta gabella anche perchè Equitalia, non

avrà nulla da richiederci visto che non ha nessuna prova che i bollettini siano stati inviati. Per questo stiamo avviando una diffida legale proprio ad Equitalia, al Presidente della Regione Marche e al Consorzio di Bonifica che stanno autorizzando e svolgendo pratiche al limite della legalità”. Continua Rossi; “La vicenda del Consorzio di bonifica dimostra la commistione affaristica tra istituzioni ed associazioni di categoria (in primis quelle agricole) che sulla questione hanno vergognosamente latitato ai danni dei cittadini i quali, con queste ingiuste bollette, dovrebbero mantenere questo assurdo baraccone (il cui presidente futuro sarà forse uno dei tanti politici trombati)”. Conclude Rossi; “Venerdì davanti alla Regione vedremo chi dei 239 sindaci marchigiani sarà con noi…Per maggiori informazioni comunque, consultare la pagina FB “NO tassa di bonifica Marche” o “Coordinamento civico Marche” o al numero 3480058169”
tassa-di-bonifica-ancona-620x349

 

Quest’articolo è stato letto 6 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *