Provincia, Tagliolini: “Un milione di euro per le strade provinciali”

Si spendono i fondi dell’emergenza neve 2012:
provincia-tagliolini

interventi per un milione di euro sulle strade provinciali per la chiusura delle buche e la sistemazione degli asfalti. È quanto si appresta a compiere, a partire dalla prossima settimana, la Provincia di Pesaro e Urbino con i fondi stanziati dal governo per l’emergenza neve 2012, trasferiti dalla Regione Marche.

“Anche se la somma a disposizione è insufficiente per coprire tutte le necessità dei nostri 1.430 chilometri di strade provinciali – evidenzia il presidenteDaniele Tagliolini – con questo stanziamento apriamo una fase di messa in sicurezza della viabilità provinciale. Le azioni successive saranno la pulizia delle cunette e dei chiavicotti e la sistemazione di altre buche e delle reti metalliche a protezione delle scarpate. Nei giorni scorsi abbiamo iniziato altri interventi per oltre mezzo milione di euro sulle situazioni più critiche in vari Comuni a causa di frane e smottamenti, che hanno creato disagi per il trasporto pubblico locale, quello scolastico ed i mezzi di soccorso. Purtroppo il Governo non ha riconosciuto lo stato di emergenza del febbraio – marzo 2015, ancora una volta dobbiamo fare da soli”.

Le strade interessate dai nuovi interventi saranno la provinciale 101 “Caselle”; la provinciale 135 “Castellina – Ca’ Antonio”; la provinciale 6 “Montefeltresca” (Apsa); la provinciale 5 “Mondaviese” per San Michele al Fiume; la provinciale 49 “Cavallara”; la provinciale 111 “Tarugo”; la provinciale 3 “Flaminia”; la provinciale 38; la provinciale 147 “Paganica”; la provinciale 88 “San Donato”, la provinciale 16-bis “Orcianese”; la provinciale 3 – bis “Fogliense”, la provinciale 53 “San Savino”; la provinciale 26 “Mombaroccese”, la provinciale 106 “Ponte Molino foce Forchetta”.

Intanto si è svolto a Macerata Feltria il primo di dieci incontri che il presidente Tagliolini terrà con i sindaci del territorio provinciale per delineare meglio gli interventi da affrontare. Erano presenti i sindaci di Macerata Feltria Luciano Arcangeli, di Sassocorvaro Daniele Grossi, di Pietrarubbia Maria Assunta Paolini e di Monte Cerignone Carlo Chiarabini, che hanno accompagnato il presidente nei sopralluoghi sulle zone più danneggiate e pericolose. Oltre ai problemi legati al dissesto idrogeologico e alle ripetute ondate di maltempo, i sindaci hanno evidenziato la necessità “di riprendere in mano il territorio partendo dalla manutenzione ordinaria, che è quella che riesce spesso a scongiurare situazioni più gravi”.

10 thoughts on “Provincia, Tagliolini: “Un milione di euro per le strade provinciali”

  1. L’apecchiese dov’è?
    É un colabrodo e non è neppure in lista per tappare qualche buca?
    Ci diranno che la lasciano così, come una gruviera, per scoraggiare i motociclisti. A fine estate diranno che è grazie a loro che non ci sono stati morti o meno degli anni scorsi. Prenderanno anche i premi produzione per questo.
    E intanto noi ci spacchiamo le gomme e ci sfasciamo gli avantreni!
    Basta coi convegni, basta con gli incontri, basta con le comparsate in giornali e TV!
    Mi hanno rotto, ma rotto.. rotto

  2. per le nostre zone ancora niente… visto che l’amministrazione è filo pd, sarà ora che si faccia sentire, o preferisce prendere tutto passivamente visto che sia in provincia che in regione è il pd a governare (per non dire qualcos’altro)?

  3. Il partito lo scomodano solo quando é il momento di imbucare parenti amici e conoscenti ………per il resto nulla !!!!

  4. non si riesce a fare brumm brumm nelle nostre strade, si rischia di tornare a casa a piedi rischiando pure di slogarsi le caviglie dalle troppe buche, sai che bella figura che faremo quando arriveranno quei quattro turisti stranieri…..siamo governati da persone di mer.a che andassero pure a vaffa..ulo.

  5. a questi politici dovremo regalare tartufi, cene con beccacce e tordi, dare onorificenze, leccargli il cu.o visto che ci trattano a pesci in faccia anzi non ci trattano per niente, vi rendete conto che molti di loro non sanno neppure dove è situato Apecchio,non contiamo niente tanto più se rimaniamo in silenzio senza protestare…..forse protestare non si può…

  6. infatti, vediamo se fra 6 mesi gli offriamo a scrocco l’ennesima cena alla festa del tartufo.
    per l’amianto silenzio, per gli ospedali silenzio, per le strade silenzio. alle prossime cancellate il mio voto

  7. È chiaro dai pochi messaggi di replica che a massacrare su questo sito la vecchia amministrazione erano quelli dell’attuale.. Voi che vi pavoneggiavate dell’immensa capacità comunicativa e sociale perché non vi abbassate ai nostri livelli e provate a spiegarci le cose? Lo chiedevate quasi ogni giorno ad Orazio.. Ora cos’è cambiato?
    Vergognatevi. Poi andate in TV a dire che Apecchio è vivo… Di certo se lo è non è per merito vostro visto che non state facendo un cazxo.

  8. Pensiero unico,tra chi aspetta ancora di ricevere favori che non arriveranno e chi ha ancora a paura di dire la sua.nel bene o nel male almeno quell’altro faceva qualcosa.questi solo discorsi.sempre peggio

  9. Come non fanno niente??? cosa dici???
    in un solo anno…… hanno ristrutturato la fontanella!!
    che sbaglio ho fatto!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *