Centro recupero animali selvatici, la Provincia trova da sola le risorse per la sopravvivenza

21 settembre 2004, il video dell’inaugurazione del Centro CRAS,
con la liberazione di alcuni animali recuperati: caprioli, diverse specie di rapaci ed un succiacapre.

I vari uffici hanno messo insieme i fondi per la prosecuzione del servizio fino a luglio. Nei prossimi mesi verranno organizzati eventi dedicati per raccogliere ulteriori risorse.  Buone notizie per il Centro recupero animali selvatici della Provincia. Su richiesta del presidente Daniele Tagliolini, i vari uffici dell’ente che hanno competenze sull’ambiente o che usufruiscono dei servizi del Cras per la divulgazione delle tematiche ambientali e faunistiche si sono riuniti per individuare e mettere insieme le risorse da destinare alla sopravvivenza di questa struttura, considerata un fiore all’occhiello anche a livello nazionale.

“Siamo riusciti da soli – spiega Daniele Tagliolini – a recuperare i fondi necessari per consentire al Cras di proseguire la propria attività, intanto fino a luglio. Nei prossimi tre mesi organizzeremo eventi dedicati, per raccogliere fondi destinati al Centro, così da non mandare disperso il prezioso lavoro svolto in questi anni dagli operatori, che ringrazio per la dedizione e l’amore dimostrato in più occasioni nei confronti degli animali recuperati e curati nella struttura. Ringrazio anche gli uffici della Provincia per il buon lavoro di squadra svolto per la tutela di un servizio legato al territorio”.

Quest’articolo è stato letto 3 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *