Nevicate del 2012, al via le procedure per il rimborso dei danni agli immobili pubblici

DSC_8871Giorgi: “Criteri e modalità delle graduatorie per l’assegnazione di 3,39 milioni di euro”

La Giunta regionale ha definito i criteri, le modalità e le procedure per accedere ai contributi destinati al ripristino degli immobili pubblici danneggiati della eccezionali nevicate del 2012.

Saranno disponibili 3 milioni e 391 mila euro, ancora non trasferiti dallo Stato, la cui assegnazione richiede comunque la predisposizione di una graduatoria. “Per procedere alla liquidazione dei danni

al patrimonio pubblico, appena arriveranno le risorse statali – spiega l’assessore alla Protezione Civile, Paola Giorgi – è necessario stabilire l’ordine di accesso ai contributi, sulla base dei criteri che sono stati individuati. Gli enti pubblici che hanno segnalato gli immobili compromessi nel termine previsto del 30 marzo 2012, dovranno inviare la richiesta di contributo entro 30 giorni dalla notifica della delibera che la Giunta regionale ha approvato nella seduta del 2 marzo”.

Dal 1° al 13 febbraio 2012 il territorio marchigiano è stato interessato da eccezionali precipitazioni nevose, causando disagi alla popolazione e danni ingenti al patrimonio edilizio e infrastrutturale. La presidenza del Consiglio dei ministri ha riconosciuto lo stato di calamità e ha assegnato oltre 17 milioni di euro a favore delle Marche per i ripristini. Somma stanziata in più annualità e in parte ridotta con i provvedimenti di contenimento della spesa pubblica. Comuni e Province hanno segnalato alla Regione i danni subiti al patrimonio pubblico e privato.

La Giunta regionale ha approvato il programma degli interventi finanziati con i fondi statali e stabilito l’ordine di priorità. Per gli immobili pubblici danneggiati sono disponibili 3,391 milioni di euro che verranno assegnati come contributi in conto capitale sulla base della graduatoria che verrà predisposta secondo i criteri individuati dalla Giunta regionale.
DSC_8871

 

Regione Marche

Pubblicato Mercoledì 4 marzo, 2015
alle ore 18:57
Tags

Quest’articolo è stato letto 2 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *