Verso gli Stati generali delle Aree protette, il 4 e 5 dicembre a Fabriano

139-2014_FP_-_Stati_Generali_aree_protette_a_FabrianoSi terranno nelle Marche, a Fabriano, i prossimi 4 e 5 dicembre, gli Stati generali delle aree protette, appuntamento che chiama a raccolta tutto il movimento nazionale che ruota intorno ai Parchi e alle riserve naturali. L’assessore all’Ambiente Maura Malaspina ha preso parte alla conferenza stampa di presentazione dell’evento tenuta oggi in Regione.
“Ogni giorno affrontiamo una crisi strutturale – ha detto l’Assessore – che colpisce innanzitutto i paesi più sviluppati. Insieme al dato economico e finanziario, essa è caratterizzata anche dall’emergere impetuoso della crisi ambientale che come ci dimostrano tutti i dati scientifici più recenti è ancora più acuta di quanto si prevedesse solamente alcuni anni fa. Come afferma il titolo dell’evento che le Marche ospiteranno, la Natura è bene e risorsa per l’Italia. Per questo è essenziale investire sulla difesa della biodiversità. La Regione Marche è l’unica Regione d’Italia ad avere tutti i Parchi certificati Cets. Si tratta di un metodo di lavoro atto a rafforzare il dialogo territorio-enti-associazioni, in un’ottica progettuale e programmatica delle aree protette, che va in direzione dello sviluppo turistico sostenibile.

La Regione Marche, tramite Federparchi, incentivando i Parchi a dotarsi di questa certificazione, ha inteso spingere l’acceleratore verso la crescita economica e occupazionale. Queste aree ricoprono il 10% del territorio delle Marche e a loro spetta di diritto un posto centrale nelle politiche ambientali regionali. La Regione Marche sostiene con convinzione l’azione dei Parchi, anche se le risorse pubbliche nazionali e regionali disponibili sono scese ai minimi termini in questi anni. Infatti nella proposta di assestamento al bilancio 2014 è stato fatto uno sforzo straordinario per rispondere in toto alle loro esigenze assicurando un contributo aggiuntivo di oltre 500mila euro.

E’ stata avviata inoltre una nuova strategia, sostenendo il settore delle aree protette con le risorse delle nuove misure del Programma di sviluppo rurale 2014/2020 (Pianificazione forestale, Biodiversità, turismo, produzioni agroalimentari certificate, produzioni Biologiche, energia rinnovabile, filiera legno-energia, ecc.) per favorire anche lo sviluppo di nuove attività economiche, che potranno portare i Parchi ad autogenerare le risorse necessarie al loro funzionamento.”
dalla Regione Marche
139-2014_FP_-_Stati_Generali_aree_protette_a_Fabriano

Quest’articolo è stato letto 3 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *