PORTALE DEI CONTRATTI DELLA REGIONE MARCHE

Per_sito_1_-_regione_marcheNell’ambito del processo di operatività della Stazione Unica Appaltante della Regione Marche (SUAM), è stato predisposto un portale dei contratti pubblici finalizzato, tra l’altro, agli adempimenti connessi con la pubblicazione di bandi e avvisi relativi alla conclusione di contratti pubblici per l’acquisizione di beni e servizi e per la realizzazione di lavori, nonché con la redazione e la pubblicazione della programmazione di lavori, servizi e forniture.

In particolare, con riferimento alla pubblicazione di bandi e avvisi, dal 1° gennaio 2014 le stazioni appaltanti di cui all’articolo 3, comma 33, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modificazioni, per l’affidamento di contratti di lavori, servizi e forniture di interesse regionale sono tenute ad adempiere agli obblighi di che trattasi utilizzando esclusivamente la procedura  disponibile al suddetto portale all’indirizzo webhttp://www.contrattipubblici.marche.it/BAND

Tutti i bandi e gli avvisi pubblicati sul portale contratti pubblici possono essere liberamente consultabili accedendo alla pagina web https://www.contrattipubblici.marche.it/PubbBandiMarche/GetPubblicitaLegale.do

A vantaggio della semplificazione e trasparenza dei procedimenti contrattuali, è stata predisposta una utilità “feed RSS” per ricevere automaticamente i contenuti della pubblicazione e i relativi aggiornamenti.
In particolare, è possibile, semplicemente sottoscrivendo il “feed Web” in parola, ottenere automaticamente le informazioni pubblicate sulla pagina web del portale e i relativi aggiornamenti. Infatti, quando si effettua la sottoscrizione a un “feed Web”, può essere impostato l’intervallo di ricerca degli aggiornamenti del sito, ottenendo automaticamente il download dell’elenco dei dati più aggiornati. Ad esempio, è possibile impostare un intervallo di ricerca giornaliero ed ottenere quotidianamente il download dell’elenco dei bandi e degli avvisi pubblicati nell’intervallo impostato.
Appare evidente l’estrema utilità del “canale feed” predisposto, sia quale strumento di lavoro per gli operatori di settore pubblici e privati, sia quale strumento di trasparenza, intesa come accessibilità totale delle informazioni da parte chiunque.

visita il sito

Quest’articolo è stato letto 8 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *