31 ͣ edizione Giornate Europee del Patrimonio

gep-logo31 ͣ edizione Giornate Europee del Patrimonio: il 20 settembre ingresso al prezzo di un euro nei musei statali aperti sino alle 24.

Anche quest’anno si celebrano nel Vecchio Continente le Giornate Europee del Patrimonio, lanciate per la prima volta nel 1991 dal Consiglio d’Europa con il duplice obiettivo di avvicinare i cittadini europei al patrimonio culturale dei rispettivi Paesi e, in nome di esso, favorire una reale integrazione tra popoli, che vada oltre le frontiere nazionali e le diversità di lingua e cultura.
L’edizione numero 31 di questa iniziativa, che dal 1999 coinvolge anche la Commissione Europea, avrà luogo sabato 20 e domenica 21 settembre 2014. Per l’occasione, sabato 20 settembre, in tutta Italia si potranno visitare sino a mezzanotte, al prezzo simbolico di un euro, tutti quei luoghi della cultura di proprietà dello Stato che costituiscono il patrimonio archeologico, artistico e storico, architettonico, archivistico e librario, cinematografico, teatrale e musicale del nostro Paese, compresi quelli che di norma restano chiusi.

Da quest’anno, tuttavia, la (quasi) gratuità degli ingressi nei siti culturali statali non riveste più un carattere eccezionale, per lo più legato a iniziative estemporanee come le #GEP2014, ma assume finalmente i connotati di una attesa consuetudine. In virtù del decreto cultura cosiddetto “Franceschini”, approvato in via definitiva dal Senato a fine luglio, infatti, tutti i monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato potranno essere visitati gratuitamente da tutti, a prescindere dall’età, ogni prima domenica del mese – #domenicaalmuseoDurante il resto dell’anno, invece, la gratuità riguarderà esclusivamente i giovani sotto i 18 anni e alcune categorie, come gli insegnanti (è scomparsa la gratuità per gli over 65 che, tuttavia, potranno visitare i musei senza pagare il biglietto ogni prima domenica del mese, ndr).gep-logo

Quest’articolo è stato letto 0 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *