Alla Riserva del Furlo “Paesaggi e archeologie”, iniziativa sul recupero delle aree archeologiche nei parchi nazionali

05123535_7012980170_vbigLa Riserva naturale statale “Gola del Furlo”, gestita dalla Provincia di Pesaro e Urbino, è stata scelta dall’Associazione italiana architettura del paesaggio (Aiapp, sezione Toscana, Umbria e Marche) come sede dell’iniziativa nazionale “Paesaggi e archeologie 2014”, che si terrà venerdì 7 (in particolare per gli addetti ai lavori) e sabato 8 marzo (aperta a tutti) in vari luoghi della Riserva stessa.

Obiettivo dell’iniziativa, promossa insieme alla Riserva del Furlo e con vari patrocini, è portare l’attenzione sul recupero delle aree archeologiche all’interno dei parchi nazionali, reinserendole in un contesto paesaggistico. E la Riserva “Gola del Furlo”, con il sistema delle gallerie romane, le sostruzioni ed il passaggio della Flaminia, non poteva rappresentare luogo migliore per ospitare un confronto in tal senso.

Venerdì 7, dalle ore 9 nella Sala convegni del ristorante albergo “La Ginestra” di Acqualagna, si svolgerà il seminario tecnico – formativo “Conservare il paesaggio delle archeologie”, mentre sabato 8, dalle ore 9, è prevista una visita guidata al Ponte Mallio di Cagli e successivamente, nella sala del Ridotto “Fernando Mencherini” del Teatro comunale di Cagli, il convegno “Archeologie e progetto del paesaggio”, a cui seguirà, intorno alle ore 12, una tavola rotonda sulla gestione dei parchi archeologici.

Sia il 7 che l’8 marzo sono previste anche visite guidate ai luoghi archeologici della Riserva del Furlo (gallerie lungo l’antica via Flaminia, chiavicotto e Grotta del grano) e al Ponte Mallio di Cagli. Interessante anche la mostra “Paesaggi e archeologie” a cura dell’Aiapp, allestita all’interno della Chiesa di Santa Maria delle Grazie al Furlo. La partecipazione alle due giornate è gratuita e prevede l’attribuzione di crediti formativi.

Info: 0721.35927610721.3592761; mail: m.difazio@provincia.ps.it

La Riserva naturale statale “Gola del Furlo”, gestita dalla Provincia di Pesaro e Urbino, è stata scelta dall’Associazione italiana architettura del paesaggio (Aiapp, sezione Toscana, Umbria e Marche) come sede dell’iniziativa nazionale “Paesaggi e archeologie 2014”, che si terrà venerdì 7 (in particolare per gli addetti ai lavori) e sabato 8 marzo (aperta a tutti) in vari luoghi della Riserva stessa.

Obiettivo dell’iniziativa, promossa insieme alla Riserva del Furlo e con vari patrocini, è portare l’attenzione sul recupero delle aree archeologiche all’interno dei parchi nazionali, reinserendole in un contesto paesaggistico. E la Riserva “Gola del Furlo”, con il sistema delle gallerie romane, le sostruzioni ed il passaggio della Flaminia, non poteva rappresentare luogo migliore per ospitare un confronto in tal senso.

Venerdì 7, dalle ore 9 nella Sala convegni del ristorante albergo “La Ginestra” di Acqualagna, si svolgerà il seminario tecnico – formativo “Conservare il paesaggio delle archeologie”, mentre sabato 8, dalle ore 9, è prevista una visita guidata al Ponte Mallio di Cagli e successivamente, nella sala del Ridotto “Fernando Mencherini” del Teatro comunale di Cagli, il convegno “Archeologie e progetto del paesaggio”, a cui seguirà, intorno alle ore 12, una tavola rotonda sulla gestione dei parchi archeologici.

Sia il 7 che l’8 marzo sono previste anche visite guidate ai luoghi archeologici della Riserva del Furlo (gallerie lungo l’antica via Flaminia, chiavicotto e Grotta del grano) e al Ponte Mallio di Cagli. Interessante anche la mostra “Paesaggi e archeologie” a cura dell’Aiapp, allestita all’interno della Chiesa di Santa Maria delle Grazie al Furlo. La partecipazione alle due giornate è gratuita e prevede l’attribuzione di crediti formativi.

Info: 0721.35927610721.3592761; mail: m.difazio@provincia.ps.it – See more at: http://www.fanoinforma.it/Eventi/art38457/5_marzo_14/alla_riserva_del_furlo_%93paesaggi_e_archeologie%94_iniziativa_sul_recupero_delle_aree_archeologiche_nei_parchi_nazionali.html#sthash.dxxz60Qp.yUqEHuqv.dpuf

Quest’articolo è stato letto 23 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *