Ad Apecchio arrivano i Re Magi

20140106-181956.jpgla già bella cerimonia della messa dei bambini del 6 gennaio, si e’ arricchita di emozioni. Una bella idea da rifare e da sviluppare nei prossimi anni: “Apecchio il paese dei Re Magi”
Ottima l’idea avuta dal nostro parroco Don Sauro Profiri che in brevissimo tempo con la fattiva collaborazione di Maurizio Poldori,Angiolo Fodaroni e Riccardo Fontanelli ha allestito questa graditissima sorpresa tra l’entusiasmo generale.
Il prossimo anno verrà certamente ripetuta e opportunamente riveduta.

 

Quest’articolo è stato letto 5 volte.

25 thoughts on “Ad Apecchio arrivano i Re Magi

  1. Premesso che sono un credente e frequentatore ma credo che sia un po troppo invadente, non serve fare queste apparizioni per coinvolgere le persone.

  2. Specchietto che cosa intendi con “invadente”?

    credo che sia stata una bellissima iniziativa, che ha coinvolto le persone ma soprattutto i bambini,che vivono così un momento spirituale e di divertimento.
    in Apecchio di cose come queste non se ne sono mai viste perchè la religione per molti anni è stata una cosa di cui molti avevano timore.
    Bravo Don Sauro!

  3. Trovare già da ridire sul nuovo Parroco è veramente ridicolo e privo di senso. Se il buon giorno si vede dal mattino, allora possiamo affermare di essere stati estremamente fortunati ad avere questo Prete. Si tratta di una persona coinvolgente, e tutti sanno quanto sia importante, anzi fondamentale, che in una Parrocchia ci sia chi è in grado di coinvolgere i giovani e non solo. Don Sauro, oltre ad essere un ottimo Parroco, mi sembra anche un ottima persona e spero vivamente che continui ad essere “protagonista” nella diffusione e nel rafforzamento della Fede, ma anche nelle manifestazioni sia private che pubbliche, che consentano a tutti di avvicinarsi alla chiesa e di socializzare, fornendo un aiuto concreto a chi ne ha bisogno e consentendo alla nostra collettività di ricompattarsi intorno a qualche cosa di “vero” e di “grande”. Di nuovo BEN VENUTO , Don Sauro .

  4. specchietto, se tu avessi voluto “provocare” per fare parlare “bene” di Don Sauro avresti raggiunto il tuo scopo. altrimenti avresti solo scritto una grossa baggianata. W Don Sauro.

  5. non crocefiggette specchietto che ha solo detto di preferire modi più dimessi.sto prete fa quel ha da fare un prete,non è un prete in carriera.mi piace

  6. Per quel poco che lo conosco,posso solo esprimere un giudizio positivo sul nuovo parroco.
    Trovo in ogni caso poco corretto “parlare non bene”ora di don Giacomo, mentre quando era ancora parroco di Apecchio quasi tutti lo cercavano,sopratutto quando avevano necessità di un piacere e/o per farsi introdurre in qualche ambiente,al quale tenevano.

  7. Esprimere pareri negativi sul nuovo parroco mi sembra sciocco ed irresponsabile, così come esprimere giudizi negativi sul vecchio parroco mi sembra ingiusto e un po vile , se permettete. Un invito a tutti a moderare i toni,a ponderare le parole, che possono essere come pietre ed evitare giudizi che possono fare male, inutilmente.
    Ognuno ha la propria personalità e il proprio modo di comportarsi, è quindi necessaria tolleranza e anche equilibrio nell’esprimere le proprie idee.

  8. Ragazzi, il gesto di Don Sauro era a mio avviso creato solo per spiegare il vero significato dell’Epifania ai bambini, che non è la festa dei regali della befana, ma dei doni dei Re Magi, alla fine era messa dei bambini e ciò ci stava!

  9. Contare le persone che vanno a messa adesso e quelle che ci andavano prima non è un opinione, è la matematica. Poi ognuno è libero di dedurre le sue conclusioni.
    Amen

  10. concordo con quanti dicono che offendere il vecchio parroco sia stupido e pure vile,
    va ricordato che un prete è prima di tutto un uomo e come tale può sbagliare, se i vari errori che avrebbe commesso il vecchio parroco sono stati tollerati per quasi 30 anni non vedo perchè ora si debba accusare, dove eravate prima? perchè non avete fatto presente queste presunte mancanze?
    il mio commento alla paura della religione non voleva essere uno commento negativo al parroco, ma al modo che si ha generalmente di spiegare la religione, il più delle volte rimangono solo le parole di questo mondo mistico,difficili da capire e interpretare e quindi spaventose, soprattutto per i bambini. mi è piaciuta la rappresentazione di Don Sauro perchè è sicuramente riuscita a far capire ai bambini il vero significato dell’epifania.

  11. criticare don giacomo ora che se ne è andato lo trovo alquanto subdolo e vigliacco, oltretutto se fatto in maniera anonima. come dice qualcuno sopra, errare è umano, ma non mi sembra che don giacomo fin dove ha potuto non abbia aiutato i suoi parrocchiani, anzi, che io sappia si è sempre dimostrato disponibile. siamo uomini e tutti possiamo sbagliare e ogni uomo è diverso dagli altri. mi dispiace che se ne sia andato, ma sono anche contento che sia venuto un nuovo parroco come don sauro, che da subito ha cercato di inserirsi nella nostra difficile parrocchia e mi sembra che come persona, che come uomo di chiesa non sia affatto male. dire chi è meglio dei due non ha senso, perchè entrambi, secondo me sono due ottimi parroci. alla fine un buon parroco deve aiutare i suoi parrocchiani ed è quello che ha cercato di fare don giacomo e che sta facendo don sauro, ognuno con i suoi metodi. detto questo saluto don giacomo e don sauro e faccio ad entrambi un grosso in bocca al lupo per i loro nuovi “lavori”

  12. “Don Giacomo un ottimo parroco”
    L’ottavo comandamento dice di non sparare cazzate.
    Date un’occhiata al Vangelo che è meglio…

  13. Non sto affatto esagerando, semmai, secondo me esagera chi sostiene che sia stato “un ottimo parroco”. Se dovessi dare un voto all’operato di Mura non gli darei “ottimo”, tutto qua. Poi è normale che essendo un uomo abbia dei difetti, altrimenti si sarebbe chiamato Cristo e non Giacomo.
    E comunque la mia non era una domanda retorica.

  14. elenca i motivi per cui non è stato un ottimo parroco e dicci perchè in 30 anni non hai avuto il coraggio di dirgli niente e lo fai ora da dietro una tastiera.

  15. Mettiamola così: per me è stato un prete normale, dite voi perchè sarebbe stato “ottimo”.
    In tutta la mia vita non credo di aver mai sentito dire “quant’è brèv’ chel Don Giacomo!”. Quando se ne è andato ho sentito più “era ora” che “quant’ m dispièc”. In quanti siete andati a Piagge a salutarlo? Non mi sembra che eravate tanti come quelli che sono venuti ad accompagnare Don Sauro, che peraltro neanche conosco e quindi non mi permetterei mai di giudicare.
    Non sto facendo paragoni e Mura, personalmente, non mi ha fatto niente di male. Sto solo analizzando i fatti, e la partecipazione che c’è la domenica alla messa e in altre situazioni ne è la dimostrazione.
    In riferimento al “coraggio” non vedo il motivo di “dirgli niente” poiché non frequento molto la chiesa e credo che un prete non abbia nulla a che fare con la spiritualità che ognuno sente dentro se stesso.

  16. vedasi NUOVI DISPOSIZIONI DEL VESCOVO.le offerte per le messe pro morti vanno in un libretto di risparmio per fini di carità.firmato don sauro. Msa ch tra prima e ade cè n po d diferensa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *