Previsioni meteo autunno 2013: tutte le ultimissime proiezioni!

Stagione autunnale ancora tutta da decifrare, non convincono pienamente le emissioni odierne, ma proviamo a trovare qualche elemento utile che possa aiutarci a far luce…

L’anticiclone delle Azzorre un po’ invadente, la corrente a getto abbastanza tesa, affondi perturbati da nord-ovest, a tratti correnti umide da ovest, sud-ovest.

Così potrebbe trascorrere il mese di ottobre, cioè all’insegna di una spiccata variabilità ma con fenomeni distribuiti irregolarmente, picchi precipitativi soprattutto sul nord-est e le regioni centrali , Campania compresa, fenomeni nel complesso più modesti altrove, più scarsi al nord-ovest, protetti dall’arco alpino rispetto ad entrambi i tipi di correnti. le temperature dovrebbero allinearsi attorno alla media ho leggermente sotto specie il N-est e le centrali Adiatiche.
Possibilità  di realizzo 60%


Se la congiuntura rimanesse tale anche le future emissioni mostrerebbero probabilmente un andamento simile, ma basterebebbe un riposizionamento anche di 200-300km dei vortici in arrivo dall’Atlantico per stravolgere questa previsione e così influenzare con effetto domino anche l’andamento dei mesi successivi.

Il mese di novembre, con un getto sparatissimo da ovest ma ad alte latitudini, l’anticiclone delle Azzorre disteso con un ponte sino alla Russia e al di sotto aria fredda da nord-est a confluire nel Mediterraneo, pronta ad alimentare depressioni afro-mediterranee e a farci piombare anche precocemente quasi in inverno, con temperature di qualche grado sotto la media e conseguenze perturbate sulle zone esposte a questo tipo di correnti: quelle adriatiche e meridionali in primis. Possibilità di realizzo 50%

Il primo mese dell’inverno, dicembre, risulterebbe invece votato ad una sostanziale stabilità, con un anticiclone pronto a proteggere l’Italia dalla visita delle perturbazioni, temperature che finirebbero stavolta leggermente al di sopra della media specie in montagna e le precipitazioni relegate sull’ovest del Continente e al massimo alle isole maggiori e all’estremo sud, con ben poche vere sortite del Generale Inverno sul nostro Paese e scarsità di nevicate.
Possibilità di realizzo 35-40%

Naturalmente non è proprio il mese che nell’immaginario collettivo tutti vorrebbero vivere. Almeno a Natale tutti si aspettano la neve. Speriamo dunque arrivino importanti correzioni di rotta e personalmente credo che non mancheranno, visto che di logico questo mese di dicembre mostra ben poco o nulla.
Conclusione bisognerà certamente analizzare le prossime emissioni per avere un quadro più preciso sulla situazione futura ancora come già detto nel lunghissimo termine il margine d’errore è molto elevato specie nelle stagioni transitorie come l’autunno!
A breve pime emissioni per il fine settimana della festa del tartufo in Apecchio.( 4- 5- 6 ottobre)

 

Quest’articolo è stato letto 0 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *