Meteo Live 30 Agosto

dati live

Temperatura 15.2 minima della notte molto bassa stamane 7.0

massima di ieri 22.9

UR 45%

Pressione atmosferica reale 966 hpa in lieve incremento
Vento debole da ENE tendente a rinforzare

Cielo poco nuvoloso o quasi sereno per tutto  il week-end leggermente ventilato specie nel pomeriggio,

temperature stazionarie con minime ancora bassine per il periodo e massime gradevoli gli estremi ( 7 -24 gradi).
Prossima settimana passaggio veloce di un fronte fresco diretto sui Balcani che comporterà nella nostra zona un aumento moderato della nuvolosità senza fenomeni venti tesi da NE e calo termico,a seguire ritorno alle condizioni precedenti!

Per il lungo termine modelli nel pallone stamane,infatti quelli di riferimento e maggiormenteaffidabili
divergono in maniera anomala e sostanziale gli Europei (ECMWF) vedono il ritorno del caldo moderato a tratti intenso in particolare al centro-sud, spalleggiato dai canadesi (GEM),viceversa gli Statunitensi di (GFS) relegano il caldo verso la Spagna e addirittura scrutano la primissima botta freddina attorno al 12-13 Settembre.
Naturalmente ci torneremo,chiudiamo l’editoriale di oggi con una curiosità meteo che riguarda l’inverno Australe.

L’inverno in Sud America chiude con una eccezionale nevicata a San Pedro di Atacama

Abbiamo già parlato delle nevicate sulle coste centrali argentine, oggi torniamo a parlare di nevicate eccezionali sul finire dell’inverno australe. Risulta infatti davvero storica la nevicata a San Pedro di Atacama, la località cilena posta a 2500m di altezza, al limite del deserto di Atacama.

Sulla località non fioccava in modo serio da circa un trentennio; in realtà alla fine al suolo non si è accumulato più di un centimetro, ma ha continuato a nevicare per diverse ore ad intermittenza, pur senza attecchimento.

Il freddo si è fatto sentire anche su Bolivia e Brasile meridionale, accompagnato da piogge temporalesche abbondanti; in Bolivia attorno ai 3000m sulla zona andina è caduta anche un po’ di neve. Abbondanti nevicate invece si sono verificate sui rilievi del Rio Grande do Sul, che non assistevano ad un simile evento dalla metà degli anni 90. Fiocchi più abbondanti sui rilievi dell’Aparados, con accumuli di circa una decina di centimetri.
Video

Quest’articolo è stato letto 3 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *