Vademecum per difendersi dai fulmini

2La tragedia del bambino ieri rimasto folgorato su una spiaggia di Taranto, ci ricorda che l’estate è la stagione dei temporali e dei loro pericolosi compagni di viaggio, i fulmini.  Ecco allora  una serie di consigli per difendersi dalle folgori:

 

  • Regola del 30-30:  se tra i lampo e il tuono passano 30 secondi o meno, è essenziale cercare un riparo al chiuso. Restare  nel riparo fino a una decina di minuti dopo l’ultimo tuono;.
  • Potete stabilire la distanza (in metri)  rispetto a voi della nube temporalesca moltiplicando 330 per il numero dei secondi intercorsi tra la visione del lampo e  l’arrivo del tuono. Il fulmine può colpire già quando il temporale è a 10 km di distanza o meno;
  • Non praticate attività sportive      all’aperto che coinvolgano attrezzature con parti metalliche (ciclismo,      nautica, golf, scalate, pesca);
  • Non tuffatevi in acqua  perché l’acqua –anche  quella della piscina ricavata nel      proprio giardino- è un ottimo conduttore elettrico e quindi attira facilmente      i fulmini che cadano al suolo nel raggio di 50-100 metri;
  • Non riparatevi sotto gli alberi      isolati, anche quelli del  giardino,      specie se di forma appuntita; se siete fuori casa va bene un fitto bosco      perché tra tanti alberi sarebbe proprio il colmo della sfortuna che      colpisca, in maniera… fantozziana,  proprio quello sotto il quale vi siete      riparati;
  • Non sostate vicino a corpi      appuntiti  (campanili, torri,      spuntoni rocciosi, ombrelli con punta metallica, tetti molto angolati) perché  prediletti dai fulmini;
  • Nel terreno scoperto accovacciatevi negli      affossamenti; un anfratto o una grotta sono ripari ideali, purché non si      tocchi la nuda roccia;
  • State alla larga da strutture      metalliche( piloni, croci e strade ferrate);
  • Toglietevi di mano o da addosso gli      oggetti metallici: catenine, anelli, chiavi di casa o dell’auto, attrezzi      domestici e anche le scarpe se con parti metalliche;
  • L’auto ripara dai fulmini purché non      si tocchi la carrozzeria, se metallica;
  • Non usate il telefono a fili perché      il fulmine può propagarsi anche lungo le linee telefoniche e staccate      il  cavo TV perché le scariche      elettriche possono entrare nel televisore attraverso l’antenna, provocando      l’esplosione del cinescopio;
  • non toccate i rubinetti dell’acqua      perché i fulmini si propagano anche attraverso le condutture metalliche;
  • se i vostri capelli tendono a      drizzarsi verso l’alto significa che è quasi certo nei prossimi minuti      l’arrivo di un fulmine nei vostri paraggi;
  • chiudere le finestre di casa, perché      veicolo preferenziale di ingresso dei fulmini entro le abitazioni.

Quest’articolo è stato letto 8 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *