il nuovo messaggio di Brontolo (21-01-2013)

Le nuove rime del misterioso quanto elusivo “carbonaro” locale.
Ormai da un bel po’ di tempo le sue missive segnano il passo della storia apecchiese.
Nessuno sa chi sia, ma tutti attendono con trepidante attesa ogni suo nuovo scritto.
Ecco finalmente la sua ultima lettera, pervenutaci in totale anonimato, e noi la giriamo a tutti i visitors di apecchio.net

Quest’articolo è stato letto 27 volte.

23 thoughts on “il nuovo messaggio di Brontolo (21-01-2013)

  1. Decisamente debole e piuttosto inutile. Il vecchio Brontolo era meglio e almeno si schierava coperto i “potenti”, non contro la gente che si fa un c..o come una casa per fare il suo lavoro. En fa manc’ rid’…

  2. È un pessimo imitatore del vero Brontolo direi, questo è quasi illeggibile.
    Guardando le vecchie brontolate si vede la differenza, en i arsumia manch ti piedi.

  3. non è secondo me brontolo l’originale le rime sono forzate e monotone, la metrica non è la stessa, per non parlare dell’ironia tagliente che caratterizzava a mio modo di dire l’originale

  4. Mai visto un Amarcord “al futuro”!
    Forse perchè “al passato” non avrebbe saputo dove mettere le acca.
    Tra questo e il vero Brontolo di tanti anni fa c’è un abisso culturale spaventoso.
    Passi per l’ignorante che vuole emergere. Non per il vigliacco che si spaccia per un altro.

  5. alvin scrive meglio e di solito quando ti deve mandare a quel paese si firma con nome e cognome. pellizzari non la buttare in polemica come al solito, sii adulto per una volta

  6. Pellizzari, Pellizzari…
    Se il mio livello culturale fosse quello di quel Brontolo, mi sarei suicidato da un pezzo.
    Non parliamo del tuo… altrimenti la gente si chiede perchè sei vivo.

  7. Ne’ pellizzari ne’ brontolo finto o vero che sia, possono competere con le raffinatezze letterali di Alvin. Non c’e’ partita.

  8. Il sottoscritto Prof. Dotto, in qualità di membro più anziano e con il benestare della famiglia, diffida il presunto Brontolo dal perseguire nella sua millanteria. E’ certamente un’offesa a tutta la categoria nanesca e soprattutto nessuno della mia “onorata” famiglia potrebbe mai esprimersi in modo così infantile e insulso: anche i tondini e i quadratini di Cucciolo presentano una sintassi e una poeticità superiore.
    Trattasi, con ogni probabilità, di un nostro lontano cugino di cui abbiamo perso da tempo le tracce: Analfabetolo.
    Nanescamente vostro Dotto

  9. Carissima Jena,
    ti è sfuggito che in questo Topic non avevo aperto bocca (sfilato il cappuccio alla Bic o messo le dita sulla tastiera, se preferisci).
    Ciò nonostante, impellente quanto la diarrea, hai “scaricato” con:
    “In questo Brontolo si intravede la mano di Alvin…è il suo stile in terzine alternate endegasillabbe”.
    Una frasetta per tre cazzate: Insinuazione tendenziosa la prima, sbagliata la seconda (il Sommo si che andava a terzine) le mie Sibille erano quartine. La terza è somaraggine pura perché non si tratta di “endeGasillaBBi”, ma endecasillabi.
    -“Oddio ho digitato male!” Ennò, G e C non sono l’una accanto all’altra, è che tu sei proprio “ciuccio”.

    Orbene, tu mi sbraiti addosso “a prescindere” ossia senza che io abbia scritto alcunchè, io ti rispondo a tono e tu vai a implorare il bannaggio?
    Ma vaglielo a dire alla mamma! Vai a… Vai a… “scaricare”! Va la!

    Quando capirai che non vanno attaccate le persone, ma affrontati gli argomenti, avrai fatto un passo verso la civiltà. Per intanto se vuoi insistere facciamo divertire un po’ i visitors.
    Ciao bello!

  10. alvin non preoccuparti, “il pellizzari”non chiedeva il bannaggio ma il bannagio.Occhio ai bannagi ce ne sono troppi engir…..

  11. Non comprendo questo accanimento contro il Pellizzari.
    Riappacificazione, amore, cordialità

    Edoardo Stefanelli (di anni 49)

  12. FA PENAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA E MI CHISSA’ CHE NON HANNO COMMENTATO CERTE PERSONE……CHE SONO SEMPREEEE IN PRIMA LINEA!CHISSA’……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *