Referendum contro la casta

È partita la raccolta firme per il referendum (abrogazione art. 2 – legge 1261 del 1965) per tagliare gli stipendi d’oro dei parlamentari.
Ogni cittadino può firmare presso l’Ufficio Elettorale del Comune di residenza.
Entro il 26 luglio 2012 bisognerà raccogliere almeno 500.000 firme.
Diamo una mano a noi stessi e andiamo numerosi a firmare!

Quest’articolo è stato letto 8 volte.

4 thoughts on “Referendum contro la casta

  1. scusate ma a proposito di questo articolo devo comunicare quanto segue:

    CIRCOLA IN RETE UNA BUFALA DI REFERENDUM
    SIMILE AD ALTRE , MA QUESTA MERITA APPROFONDIMENTO.

    VI POSTO QUESTO ARTICOLO COPIATO DAL GRUPPO DI BEPPE GRILLO (MOVIMENTO CINQUE STELLE) PERCHE’ E’ GIUSTO INFORMARE SU QUELLO CHE STA’ ACCADENDO.

    Negli ultimi giorni su Facebook sta “girando” moltissimo un manifesto per invitare i cittadini a recarsi presso i Comuni di residenza o presso i banchetti (dove ne sono stati fatti) per firmare un referendum contro “gli stipendi d’oro dei parlamentari”. La proposta referendaria prevede sic et simpliciter l’abolizione dell’art. 2 della legge 31 Ottobre 1965, n. 1261 pubblicata sulla Gazzetta ufficiale 20 Novembre 1965, n.290, che stabilisce il diritto alla DIARIA dei parlamentari (cioè il “rimborso spese” per il soggiorno a Roma, corrisposto anche a chi a Roma ci abita).

    L’iniziativa referendaria è promossa da un piccolo partito politico denominato UNIONE POPOLARE (anche se in molti post sui social network il manifesto pubblicato stranamente omette l’indicazione del simbolo).

    Al di là del merito del quesito referendario (condivisibile, almeno per chi scrive o quantomeno che solleva il problema della formulazione di un diverso tipo di rimborso per chi, eletto in Parlamento, deve affrontare spese di viaggio e permanenza nella Capitale), l’iniziativa “puzza” di strumentalizzazione demagogica e di facile tentativo di “acchiappare” consenso in maniera un po’ subdola.

    Detto da un attivista del Movimento 5 Stelle questo potrebbe suonare apparentemente strano, ma val la pena approfondire un po’ e capire COSA si vuole ottenere e CHI è che patrocina l’iniziativa:

    a) Innanzitutto va rilevato che ai sensi dell’art. 31 della L. 352-1970 non può essere depositata richiesta di referendum nell’anno anteriore alla scadenza di una delle due Camere e nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l’elezione di una delle Camere medesime; inoltre, ai sensi dell’art. 32 della medesima legge, le richieste di referendum devono essere depositate dal 1 gennaio al 30 settembre di ciascun anno.

    Essendo ormai decorso il termine del 30 settembre del 2011, ed essendo il 2012 l’anno che precede la scadenza della Legislatura in corso, ne consegue che (salvo il caso di elezioni anticipate nel corso del 2012) la proposizione (o meglio, il deposito delle firme raccolte) di uno o più referendum sarà possibile solo a partire dal 2014.

    Ecco quindi il primo elemento di dubbio: perchè Unione Popolare sta spingendo tanto sulla Rete per terminare la raccolta di firme (il termine scade in questo mese, luglio 2012), senza dire che le firme non potrebbero essere depositate prima del 2014 ?*

    b) Più interessante è capire CHI SONO i promotori e quindi CHI E’ questa misconosciuta Unione Popolare….La coordinatrice nazionale è la sig.ra Maria Di Prato, già democristiana e poi UDC che nel 2010, “insieme ad altri colleghi e parlamentari, fuoriesce dall’UDC, per creare Unione Popolare fermamente convinta della necessità di un partito di centro che guardi con interesse al centro-destra.”

    (così su http://www.unionepopolare.eu/component/content/article/38-curricula-cv/93-maria-di-prato.html).

    Le altre “persone di Unione Popolare” sono visibili qui ed invito gli interessati ad una ricerca per capire da “dove vengono”: http://www.unionepopolare.eu/partecipa/persone.html

    Non abbiamo bisogno di vecchi politici dei partiti che vogliono ricrearsi una verginità utilizzando l’insofferenza popolare per avere visibilità e risonanza mediatica all’approssimarsi delle elezioni….C’è già chi combatte con coerenza e determinazione i privilegi della politica attuale, utilizzando in maniera trasparente gli istituti di partecipazione democratica popolare da diversi anni (V-Day) e non ha “uffici politici” a Roma a cui chiedere una tessera…i politici della vecchia scuola, per cortesia, rimangano (o vadano) a casa…

    Maurizio Buccarella

    Attivista del Movimento 5 Stelle

    *PS: Sarebbe inoltre interessante sapere dai promotori, in caso di raggiungimento del quorum, cosa farebbero dei rimborsi referendari (€ 0,52 per votante con un massimo di circa 2,5 milioni di Euro)…

  2. Qualche giorno fa ho ricevuto la mail di un conoscente che, oltre ad invitarmi a firmare, mi segnalava come la cosa venisse vergognosamente ignorata dai media in genere.
    Un breve accenno a questa prossima “scadenza” per firmare per il quesito referendario è stato fatto anche da un TG nazionale qualche giorno addietro (mi pare TG5).
    Di più … nin zo!

  3. ne ho sentito ampiamente parlare dai TG delle 20 in queste ultime sere,spero non sia una bufala, ma spero soprattutto che taglino stipendi e poltrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *