Lanfranco Forlucci

Apecchio, c’era una volta.

Due fiumi, un campanone, un borgo vecchio,
la festa al Crocifisso, questo é Apecchio;
un piccol mondo antico che adesso non c’é più
ma restano i ricordi di quel tempo che fu.

Di come si era prima, dove siamo nati
e cosa ci rimane di quei giorni andati;
conoscer per capire, ai giovani rammento,
consiglio, o se volete, solo un suggerimento.

Le neve non mancava così che la mattina,
il paese ci appariva come una cartolina;
i bimbi senza scuola, gli uomini in mantella,
le piste per la slitta? La Pieggia e la Valcella.

Via Lapi con Via Roma, la pista cittadina,
da brivido la curva a mano anche mancina;
al “Monte” invece i Vip andavano a sciare,
non c’era lo skipass ma i piedi per tornare.

Partivano in parecchi per il bosco vicino,
tagliavano i ginepri ma non per il camino;
per fare una catasta, per bere pure un “goccio”,

vettore e festeggiato era Beppe del Boccio. …….continua…